Archivi Blog

Nelle Mani di IG88 (Imperial Assault, Capitolo 6)

3874639-7591233108-ig88_.png

Un colpo di fulminatore squarcia il cielo spezzando il ritmo della battaglia. Nell’unico momento in cui avete commesso l’unico sbaglio della vostra missione vedete il vostro compagno venire ferito. Han cade a terra “Andate via con questo prima che arrivi il quel maledetto droide io me la caverò” vi porge un cubo elettronico. IG88, il temibile droide cacciatore di taglie ha completato la sua missione ed è a pochi metri da voi. “Andate ora dannazione” Han è ora nelle sue mani e a voi non resta che scappare per non far si che il suo sacrificio sia vano.

Correndo in direzione opposta siete stupidi da come gli imperiali non risultino minimamente interessati alla vostra presenza. La loro unica preoccupazione è impedire un qualunque tentativo di fuga del loro prigioniero. é già successo una prima volta, non possono permettersi che accada una seconda.

Questa volta sono arrivato prima di Boba Fett. Eccellente. Afferma con voce robotica il droide cacciatore di taglie. Riscuoterò una grossa taglia grazie a te. Per ora non temere non morirai ma non mi interessa cosa ti succederà dopo. Caricatelo sulla mia nave.

Raggiunto un punto sicuro al riparo da occhi indiscreti, attivate il cubo per verificarne il contenuto. Con sorpresa e meraviglia scoprite che si tratta dei progetti di sviluppo per l’arma imperiale di cui il comando dell’alleanza ribelle vi aveva già parlato. I progetti sono tutti firmati dal Generale Weiss. Le armi in questione sono dei supercannoni che dovranno essere montati sugli Star Destroyer e se c’è avvenisse, quelle navi diventerebbero una minaccia più grande della morte nera.

Ora vi trovate di fronte ad un bivio, riferire al comando ribelle che non avete salvato Han o fare di testa vostra e muovervi all’inseguimento di IG88 il droide che ha preso in ostaggio Han. Com’era facile aspettarsi da teste calde come voi, preferite non lasciare le cose a metà. Tornate sui vostri passi e riuscite a cogliere di sorpresa alcuni soldati imperiali i quali messi alle strette vi raccontano “gentilmente” che IG88 prima di andare a consegnare Han Solo si dovrà fermare sulla stazione orbitante di Kimora per effettuare rifornimento e consegnare qualcosa al capitano presente in quel’avamposto imperiale.

Richiamate il vostro pilota spiegandogli che con Han c’è stato un piccolo contrattempo ma tutto è ancora sotto controllo. Gli fornite le indicazioni per la rotta e gli comunicate che le informazioni presenti sul cubo in vostro possesso devono essere inviate al comando ribelle ma solo dopo che voi sarete riusciti ad entrare sulla stazione orbitante. Queste armature imperiali possono sempre tornare utili.

Annunci

La fuga di Solo (Imperial Assault Capitolo 5)

swi06_previewCon il disappunto dello wookie che si aspettava di impossessarsi di tutto il carico di spezie nel deposito degli Hutt, venite salvati dal vostro pilota Harthaway che il più rapidamente possibile esce dall’orbita di Nar Shadda per entrare nell’iperspazio e togliervi dai guai, quando al comlink di Chewbacca arriva una segnalazione cifrata da parte del comando generale dell’alleanza: Si Tratta ancora di Han che questa volta è davvero nei guai inseguito dagli Hutt e dall’impero. è stato dunque vano il vostro tentativo di creare un diversivo su questa luna formicaio per distogliere l’attenzione dei nemici dell’alleanza contro Solo.

Chewbacca, vi offre subito l’occasione per mostrare all’alleanza ribelle che la fiducia che hanno riposto in voi non è vana nonostante le vittorie che il generale Weiss ha avuto contro di voi, proponendo a Mon Mothma di mandare voi per primi sfruttando i codici d’atterraggio rubati che Chewie ha a sua disposizione.  Lo wookie, però, non verrà con voi perché la sua missione è un’altra ma i sabotatori sono ancora una volta ben lieti di aiutarvi.

La ricerca di informazioni contro l’arsenale bellico del generale imperiale Weiss continuerà anche senza di voi, vi spiegano dalla base ribelle mentre vi mostrano a video i dettagli relativi a Han Solo. Lui stesso era alla ricerca di notizie relative a questi sviluppi imperiali sull’orlo esterno e si confidava molto in lui considerando la sua vasta rete di contatti.

E così ora vi trovate a seguire le orme di Solo sul sistema di Tatooine. Dopo aver visitato vari ambienti e provato a “interrogare” alcuni presso la taverna di Mos Isley, riuscite finalmente a trovare il luogo da dove era partito il messaggio di soccorso di Solo. I dintorni però, sono pattugliati da un sostanzioso numero di truppe imperiali. Evidentemente non siete i soli alla ricerca del vostro amico.

Le Cronache di Talisman Capitolo 2

cornerhouse_logo-talisman

Alla fine è arrivato il caos. Sono tempi oscuri questi. La caccia ai draghi sta facendo le sue illustri vittime tra i forti guerrieri del vecchio mondo e lentamente questa terra, in cui i difensori della giustizia ormai scarseggiano, si sta riempiendo di briganti e banditi e giorno dopo giorno sta appassendo. Cadorus, Varthrax e Grilupus, i tre signori dei draghi, sono indomabili e solo loro sono abbastanza potenti da proteggere  il santuario, ma fintanto che nessun eroe saprà sconfiggerli in combattimento nessuno dei tre si piegherà al  compito di custode del vecchio mondo.  Come se non bastasse anche una maledizione si è abbattuta su di noi. Il malvagio visir Abn-lasabbnllscarp ha lasciato che gli spiriti maligni dei potenti ifrit, antichi  e avidi demoni del deserto, si scagliassero nelle nostre valli. Perfino il tempo di Gea, madre natura, è andato distrutto. Al suo posto ormai rovine e deserto. Come se non bastasse anche la montagna sacra è inaccessibile. Una maledizione che alcuni chiamano sortilegio della corona di fiamme ha ucciso tutti i guerrieri che hanno cercato di entrare nel santuario dentro la montagna. Anche dai regni d’oriente valorosi eroi sono giunti in nostro soccorso ma ormai il vecchio mondo è in declino e noi con lui.
Perfino i giorni in cui Volotrox ha provato a conquistare queste lande sembrano solo giornate uggiose in confronto a quello che stiamo vivendo ora. Se il santuario sotto la montagna rimarrà vuoto, senza la corona del comando e senza un drago a sua difesa, di noi non resterà che il ricordo.

Incredibilmente Alcuni menestrelli ora cantano le gesta di un guerriero che nessuno ha mai visto in volto. Alcuni sostengono pure che sia una donna, altri che non sia neppure un essere umano. Sicuro arriva da lontano, chi la visto combattere dice che danzi con la proprio spada e che il suo cavallo nero sia di una razza mai vista. Questo signore della guerra è aiutato da un mago del fuoco e da prestigiatore, un illusionista proveniente anche lui dall’oriente. La sua pelle scura e il suo nome per noi inpronuciabile lo hanno reso famoso come i suoi modi e la sua saggezza. I canti ci narrano di come questo trio valoroso abbiamo scoperto un incantesimo per fermare la fiamma che succhia la vita che devasta ogni cosa e che bloccava l’accesso al santuario.

Che sia dunque arrivato il giorno in cui le cose comincino a cambiare, il primo giorno dopo questo infernale inverno, il primo giorno di primavera, in cui finalmente nuovi eroi ci salveranno e sapranno domare il drago che riporterà la pace su questa terra?